Fierezza Antidemocratica

voto_16.jpg

Come chi legge ogni tanto i miei post sa, sono convinto che il sistema democratico sia assolutamente dannoso. Sostengo ciò senza paura nonostante sia consapevole che certe affermazioni lette con ignoranza di chi non sa cogliere sfumature e complessità, portino alla stupida conseguenza che essendo contro la democrazia sia a favore della dittatura.

Le scelte giuste e consapevoli sono spessissimo impopolari ed in un sistema democratico ormai non le fa più nessuno, ammesso e non concesso che qualche politico almeno le conosca. La motivazione di questo post è la proposta assurda, che in questa fiera dell’assurdità finirà per diventare legge, di dare il voto ai sedicenni. Ovvio che io eliminerei il problema alla radice, ovvero non vi sarebbero elezioni, ma allargare ancor di più la fascia dei votanti non farebbe che ingigantire il problema. Non sono per il potere al popolo perché il “popolo” è per lo più ignorante e manipolabile ma un sedicenne non ha neppure la “storia”, il tempo e la possibilità per riuscire a coltivare degli antidoti alla manipolazione.

Assistiamo ad una corsa verso il basso continua. Per prendere voti adesso bisogna essere dei “medioman” e non mostrare conoscenza e consapevolezza fuori dal comune. La moda ora è assomigliare sempre di più ad un becero ignorante così chi governa e chi è governato partecipano ad una gara continua e senza freni verso abissi di ignoranza vergognosi.

In un sistema dove il voto di un mafioso, di un matematico, di un filosofo, di un tossico, di un dirigente d’azienda, di un professore o di un analfabeta hanno lo stesso peso adesso aggiungeremo quello di un sedicenne che non ha esperienza di nulla ma come tutti gli ignoranti avrà la presunzione di sapere perfettamente ciò che è giusto. 

alessandra quattordio